lunedì, 19 aprile 2010 ore 10:43 (UTC+1)

In Val Bavona

Seconda tappa della Radio delle Regioni 2010

In sintesi

  • Rete Uno in Val Bavona
  • Dal 26 aprile al 2 maggio

Leggi

Bignasco, Val Bavona
(foto Fondazione Val Bavona)

Dopo la trasferta in Valle Onsernone, percorsa di recente e culminata nella festa patronale dell’Annunciazione di Maria Vergine, l’ultima domenica di marzo a Vergeletto, la Radio delle Regioni torna sul territorio. 
Nella seconda tappa la Radio delle Regioni intende vivere e raccontare un’altra periferia e un’altra manifestazione di devozione religiosa, che da secoli si rinnova la prima domenica di maggio: la Val Bavona con la sua Processione di Gannariente, che ogni anno attira a Cavergno centinaia di partecipanti da ogni parte della regione e che, come ha detto un anonimo partecipante, “merita di essere vissuta, almeno una volta nella vita”.

La tradizionale processione di Gannariente si svolge con qualsiasi tempo: si parte all'alba da Cavergno, e si marcia lungo un percorso di una decina di chilometri, che si snoda lungo la Valle Bavona e si conclude all'oratorio di Gannariente, situato ai confini con Bignasco. Nelle quattro ore di cammino si prega, si canta, si recitano le litanie. Ad ogni nucleo, Mondada, Fontana, Sabbione, Ritorto, Foroglio e Roseto, c'è in attesa un gruppo di fedeli con un crocifisso che viene accostato a quello che apre il corteo in arrivo per un simbolico bacio. Dopo una breve sosta di preghiera, il cammino riprende. La meta è la chiesetta di Gannariente, dove viene celebrata la Messa, cui segue la benedizione della campagna perché dia frutti in abbondanza e sia preservata “da fulmini e tempesta”, come imploravano gli antenati.

L’argomento portante della settimana è quindi la processione. Ma si metteranno a fuoco altri aspetti di una valle particolare, una “cattedrale di massi, boschi e pareti rocciose”, raccontata mirabilmente da tanti narratori, su tutti Plinio Martini. Una valle mirabilmente conservata e valorizzata dall’attività della Fondazione Val Bavona, che quest’anno celebra il ventesimo di attività. Un’occasione per stilare un bilancio e per gettare le basi di nuove idee di sviluppo territoriale, dopo l’abbandono del progetto di Parco nazionale del Locarnese.

Il programma della Radio delle Regioni 2010 in val Bavona:
Lunedì 26 aprile
Apartire dalle 5.00, ospite di Radiosveglia, programma condotto da Sandy Altermatt, sarà il prof. Bruno Donati, che dal 1979 al 2004 è stato presidente e curatore del Museo di Valmaggia a Cevio;
L’inserto d’archivio, rintracciato nelle Teche della RSI, rievoca le impressioni di un forestiero che trent’anni or sono elogiava la magica bellezza della valle.
Per l’Erba del Vicino, alle 17.05, Marco Horat proporrà il reportage “Le donne della Bavona”, ricordi e considerazioni di alcune donne, oggi anziane, che parlano del lavoro, della scuola, dei cambiamenti, del “Fondo del sacco”. Un ritratto al femminile della valle.

Martedì 27 aprile: Il Grillo, con Giorgio Passera e Rolf Schürch, alle 7.44, si occuperà dei toponimi Bignasco, Cavergno (comuni che si sono aggregati con Cevio nel 2006) e Brontallo.
Tra le 14.40 e le 15.40 la Squadra Esterna, con Rolf Schürch, sarà alla centrale idroelettrica OFIMA Val Bavona a San Carlo, con il direttore Marold Hofstetter.
Dalle 17.05 alle 17.25 circa, ne L’Ora del tè, Mirella De Paris ospiterà Renato Lampert, segretario della Fondazione Val Bavona, e altri interlocutori, per uno sguardo approfondito sulle particolarità paesaggistiche e di cultura rurale della Val Bavona.

Mercoledì 28 aprile: Il Grillo scaverà nell’origine dei nomi di Cevio e Broglio.
Dalle 9.00 alle 11.00 Il Camaleonte trasmetterà in diretta dalla piazzetta antistante la Casa comunale di Cavergno, con ospiti della valle per il simpatico gioco geografico e la Squadra Esterna che descriverà l’attività di Artis, il negozio dell’artigianato di Cevio, gestito dall’Associazione artigiani Vallemaggia.
La giornata chiuderà con la seraat pubblica  Come eravamo nella Sala multiuso di Cavergno, alle 20.00 verranno proposte immagini storiche della valle, rintracciate negli archivi della RSI, con la voce narrante di Mariagrazia Bonezzetti Pelli.

Giovedì 29 aprile: in Radiosveglia, un altro inserto d’archivio, per cogliere aspetti poco noti della valle.

Venerdì 30 aprile: nelle prime ore mattutine, un inserto d’archivio con le voci dei promotori del progetto di Parco regionale in Vallemaggia, proposto in luogo del previsto Parco Nazionale del Locarnese, registrate dalla Radio delle Regioni l’anno scorso, progetto di cui non si sa più nulla.
Alle 11.05, in diretta da Cavergno, edizione speciale di Millevoci, a cura di Rolf Schürch, con la municipale  di Cevio Elena Fenini, Rachele Martini, Presidente della Fondazione Val Bavona, Luigi Martini, memoria storica della valle e pure attivo sin dagli inizi nella fondazione e Armando Donati, dell’Associazione per la protezione del patrimonio artistico e architettonico di Vallemaggia, che illustrerà in particolare il progetto avviato in località Presa a San Carlo.

Sabato 1 maggio
: in Sabato Uno, a cura di Christian De Ciantis, dopo le 11.05 appuntamento con Mirko Zanini, che ha condotto uno studio sull’impostazione globale dei contenuti ambientali della Val Bavona, con il fine di valorizzarne al massimo la ricchezza paesaggistica;
Nel Pappamondo, dopo le 17.00, Giacomo Newlin sarà a colloquio con il ristoratore Martino Giovanettina, attivo a Foroglio, un paese speciale, dove si odono “le voci del mondo”

Domenica 2 maggio: alle 9.30 Il Saltamartino curato da Marco Horat, ci proporrà un reportage sulla Processione di Gannariente realizzato da Jacky Marti negli anni ’70 del secolo scorso, con le voci di Piero Bianconi e Plinio Martini.
Nell’ambito della Domenica Popolare, dalle 10.30 alle 11.00, collegamenti in diretta, con Massimo Scampicchio e Rolf Schürch, dal sagrato della chiesa parrocchiale di Cavergno: con il parroco, padre Paul Monn con Fausto Rotanzi, presidente del Consiglio parrocchiale, si metteranno a fuoco origini e significato attuale della storica processione di Gannariente. E si chiude la settimana sulla Val Bavona con un’intervista a Niccolò Giovanettina, coautore della Guida alla terra e allo spirito di Foroglio, edita dall’Agenzia Kay edizioni.

Un’avventura avvincente, che coinvolge buona parte di Rete Uno, tutta da vivere e ascoltare. Un ringraziamento particolare va alle autorità di Cevio e della frazione di Cavergno, per la collaborazione prestata.
L’indirizzo per chi vuole dire la sua: radiodelleregioni@rsi.ch
La produzione del programma Radio delle Regioni è a cura di Rolf Schürch.

Gallery

Alla Centrale OFIMA

Alla Centrale OFIMA

1 2

Guarda

Peo e Pietro in Val Bavona

Peo, 24.11.2007 - Peo e Pietronzolo partono dalla famosa altissima (80 metri) cascata di Foroglio e arrivano fin sopra la cascata a Gerra in Val Calneggia. Su sentieri davvero speciali, tra antiche case, particolari e curiose, chiamate splüi, costruite sotto enormi rocce. Una passeggiatina, per grandi e piccoli, di un'ora e mezza da non perdere.

Ascolta

Proprietà audio
2. Il Camaleonte

Il Camaleonte, 28.04.2010 - A cura di Enrica Alberti e Daniele Oldani

RSI Radiotelevisione svizzera di lingua italiana, succursale della Società svizzera di radiotelevisione SRG SSR logotipo