giovedì, 03 dicembre 2009 ore 15:13 (UTC+1)

Pillole informative

Campagna d’informazione alla popolazione. Un progetto di Armida Demarta

In sintesi

  • Trasmissione quotidiana di brevi moduli informativi
  • Polizia
  • Pompieri (FCTCP)
  • Servizi d’autoambulanza (FCTSA)
  • Protezione Civile

Leggi

Pillole informative. Un progetto di Armida Demarta.

Di solito capita sempre così. Quanto si devono chiamare pompieri, ambulanza o polizia o non ci si ricorda più il numero di telefono o si fa una gran confusione nell’indicare dove ci si trova.
È normale: di solito si deve fare ricorso a questi numeri in situazioni di emergenza.

Ecco perché è importante ricordarci di tanto in tanto quale numero chiamare, cosa dire, come comportarsi. Per farlo Rete Uno diffonde periodicamente degli spot realizzati in collaborazione con la Sezione del militare e della protezione della popolazione.

Riascoltateli !
Fredy Franzoni

Progetto produzione «Pillole Informative» - Con la collaborazione della Polizia, dei Pompieri (FCTCP), dei servizi d’autoambulanza (FCTSA), della Protezione Civile, dei servizi tecnici interessati, e della ReteUno (RSI), il 1° dicembre 2008 ha preso avvio una campagna di informazione alla popolazione, denominata Pillole Informative.

Si intende così, a scadenze regolari, promuovere l’informazione alla popolazione sugli aspetti principali e sul comportamento da tenersi in caso di emergenza. La produzione tratta emergenze generiche ed anche temi specifici e settoriali che, in stretta collaborazione con gli enti che gestiscono l'informazione d'urgenza, potrebbero essere impiegate al momento più opportuno.

Il concetto prevede la trasmissione quotidiana, durante periodi determinati, di brevi e semplici moduli informativi.
In ossequio alla nuova legge sulla protezione della popolazione (entrata in vigore il 1° luglio 2008), la Sezione del militare e della protezione della popolazione è incaricata di predisporre le istruzioni e le esercitazioni coordinate.
Per adempiere a questo compito è stato costituito un gruppo di lavoro denominato OSMC (Organizzazione degli stati maggiori di condotta). Ne fanno parte i rappresentanti degli enti partner (polizia, pompieri, servizi sanitari, protezione civile e servizi tecnici).

Accanto alla formazione del personale preposto agli interventi si è ora deciso di sensibilizzare pure l'intera popolazione su alcune regole comportamentali da adottare. Infatti, nell'ambito della gestione degli avvenimenti (da quelli «quotidiani» fino a quelli «catastrofici»), oltre alle capacità d'intervento degli enti di soccorso, un ruolo determinante - applicando corretti comportamenti - può pure essere svolto dai singoli cittadini o dalla parte di popolazione coinvolta in modo diretto od indiretto.

Negli ultimi anni si è sempre più preso coscienza che un apporto da parte del singolo o della comunità nel momento del bisogno, come pure un corretto comportamento o atteggiamento, possono essere incentivati mediante un’informazione periodica e mirata.
Stiamo inoltre valutando la possibilità, per il futuro, di elaborare le medesime informazioni in forma tale che possano essere pubblicate su internet, sempre tramite vie istituzionali quali il Cantone o i Comuni, oppure ancora attraverso la stampa.

Contatti: - Capo Progetto: Armida Demarta

Ascolta

Proprietà audio
Emergenza sanitaria

Pillole informative, 03.12.2009 - In caso di emergenza sanitaria ogni secondo è prezioso. Non perdere tempo chiama subito l'ambulanza 144. Resta calmo comunica subito l'indirizzo cosa succede e lo stato di soccorso. Il numero dell'ambulanza è 144.

RSI Radiotelevisione svizzera di lingua italiana, succursale della Società svizzera di radiotelevisione SRG SSR logotipo